Partizan OFK Beograd

  Tifo,battimani,torce,tamburi…ma in che anno stanno?

Sabato, 12 di marzo, allo stadio JNA del Partizan si è giocata Partizan – OFK Beograd, partita (del tifo) alla cui ho avuto la fortuna di assistere.
Ma partiamo dall'inizio, con una piccola premessa, diciamo societaria.
La partita inizia alle 15, io verso le 13 arrivo allo stadio e vado a cercare i biglietti. Arrivati al botteghino (incredibile,ancora esistono!!! Ma non sarà pericoloso vendere i biglietti il giorno della partita???) mi accorgo che accanto ai biglietti per la sfida contro l'OFK vi sono anche quelli contro la Crvena Zvezda (Stella Rossa) valevoli per la gara di coppa di mercoledì 16 di marzo. La ragazza al botteghino mi dice che la società agevola i tifosi, in che modo?!? Semplice! Acquistando un biglietto di Partizan – Crvena Zvezda se ne riceve uno omaggio per la sfida con l'OFK. Cio' mi fa rimanere col sorriso da una parte ma anche con la rabbia per la politica che le società, qui in Italia, adottano. Ah, sempre in ambito di agevolazioni bisogna anche riferire che per la sfida di pallacanestro Crvena Zvezda – Olimpia Lubiana la società vista l'ultima posizione dei bianco rossi invitava tutti al palazzetto, incentivando il tutto con un'entrata free.
Ma torniamo alla gara del Partizan…
Aime miei cari nostalgici vi devo riferire che i biglietti non sono ne nominativi (OVVIO!!!) ma nemmeno numerati,della serie chi prima arriva meglio alloggia…certo che tra botteghini funzionanti, niente biglietto nominativo,niente posto numerato il nostro "caro" Maroni avrebbe tanto da lavorare…ahahah…(non so se riderci su o piangerci).
Io acquisto la curva "Jug" ,che sta per sud, curva dei "Grobari" che tradotto sta per "Becchini", al modico prezzo di 200 dinari (circa 1,95 €) e il posto più caro la tribuna stava a 400 dinari (nemmeno 4 €).
Acquistato il biglietto mi faccio un giro fuori lo stadio,ansioso di entrare,cancelli aprono, aimè, solo alle 14.
Fuori la Jug vi sono diversi polizioti, precisamente facenti parte della Gendarmeria, e vi devo dire che non sembrano per nulla regalati. Vestiti tutti con tute mimetiche militari,paragomiti, paraginocchie e così via, e il più basso sarà stato 1,90…per fortuna la situazione era tranquilla.
finalmente arrivano le 14 e si aprono i cancelli a cui seguono veramente rigide perquisizioni.
Finalmente sono dentro! Lo stadio piano piano si va riempiendo e giungiamo così alle 15 e al calcio d'inizio.
Ora proverò in sintesi a raccontarvi e descrivervi il tutto…ma vi assicuro che descrivere una cosa del genere è impossibile, bisogna vedere con i propri occhi.
I Grobari sono fomentatissimi e il loro lanciacori li sprona a dare il massimo, prendendolo come un allenamento per il derby di mercoledì.
il tifo è una bolgia, tonalità più alta di almeno 5 volte (non scherzo) che qui in Italia, e il bello è che il loro lanciacori ad un certo punto,con un tifo della madonna, grida:"stoooop stoooop che cazzo fate…volete alzare sta cazzo de voce"…da non credere…dopo ciò la tonalità è ulteriormente aumentata.
Comunque cori tenuti a lungo e sempre cambiati, cioè non li ripetevano. E' stato bellissimo quando il Jug ha chiamato la tribuna a destra chiedendogli di alzarsi, si sono tutti alzati e hanno fatto un coro a rispondere tra curva e tribuna. Dopo di che, l'invito di alzarsi è stato rivolto all'opposta tribuna e anche sta volta si sono tutti, e dico tutti, alzati e hanno fatto il coro a rispondere. Finito ora è toccato alla curva che si è immaginariamente divisa in due verticalmente e si rispondevano a vicenda. BELLISSIMO…INDESCRIVIBILE.
Per non parlare dei cori in cui saltellavano, dove la curva sembrava venire giù, e i battimani, fatti da tutta la curva, dalla prima, all'ultima fila, e tutti coordinati. Era una muraglia umana.
Dall'altro lato i tifosi dell' OFK saranno stati un 150 circa,il che potrebbe sembrare poco, ma considerando che è la quarta squadra di Belgrado, e considerando che non solo a Belgrado, ma addirittura in tutta la Serbia la gente tifa prevalentemente Partizan o Crvena Zvezda, e considerando che giochi in trasferta e coi Grobari non puoi mai sapere che può succedere, credetemi per me è una bella presenza. Comunque, anche con la squadra sotto di un gol, hanno tifato tutta la partita e anche se erano collocati all'altro estremo si sentivano. Anche loro mi hanno "deliziato" con battimani indescrivibili, cori in cui saltellavano tutti insieme e con il sventolio incessante di tre bandieroni.
Posso dire che una persona abituata a vedere il tifo in Italia, che non possiamo nascondere che rispetto agli anni 80/90 è in calo, una volta che esce da una partita del Partizan (ma anche con la Crvena Zvezda il succo non cambia) può andare dritto al manicomio. Credetemi non  ci capite più nulla.