Conferme


Il nostro comunicato di ieri ha raggiunto il suo scopo: far parlare dell'attuale situazione della Lodigiani. Ma si è andati ben oltre: Passione Calcio e Corriere Laziale hanno dedicato la loro prima pagina, il Corriere Laziale ha osato di più, dedicando metà della prima pagina a noi e inserendo un bello spazio all'interno. La "chicca" è un'intervista a Maura che conferma tutto il nostro impianto accusatorio, aggiungendo il dubbio che la Lodigiani scompaia più una perla, da incorniciare a caratteri cubitali sotto l'insegna del Park Hotel La Borghesiana: "Se viene Longarini c'è solo da ringraziarlo". Maura conferma l'imminente sparizione della prima squadra "salvo arrivo di benefattori" (chiaro che lui non lo è di certo né tutti gli altri che sono dietro a quest'operazione né quel famoso signore che dovremo addirittura ringraziare e stendergli i tappetini al suo passaggio). Il panorama descritto nel nostro comunicato non era di certo un teorema. Ora speriamo che questo non sia il canto del cigno, e che, smosse le acque, qualcosa di concreto accada.
 

Cliccare sulle immagini per ingrandire

  
 


 

Annunci

Comunicato Ultrà Lodigiani 5 Luglio 2011


Con molto dolore e amarezza gli Ultrà Lodigiani scrivono questo comunicato, al fine di portare a conoscenza di tutto l’ambiente sportivo romano l’ennesimo scempio che si sta consumando in queste ore nei confronti dell’AS Lodigiani. A pochi giorni dalla scadenza del termine per le iscrizioni al prossimo campionato di Promozione. Come tutti gli operatori sanno, la Lodigiani in questi ultimi anni è stata diretta dalla famiglia Moretti che ha avuto, fino ad adesso il 60% delle quote societarie. Pur avendo fatto errori gestionali piuttosto grossolani, i Moretti hanno rilanciato il progetto della Lodigiani di San Basilio e l’idea di una prima squadra, avvenuta e realizzata grazie alla collaborazione dell’ASD Stilecasa, che ha sacrificato, nel vero senso del termine, il proprio titolo per ridare lustro alla storia biancorossa, che, tra le altre cose, negli ultimi anni ha ricostruito un vivaio non ai vecchi livelli, ma comunque tra i migliori di Roma, senza contare le tante soddisfazioni avute persino nella scuola calcio (risultati importantissimi in più edizioni della Danone Cup e del torneo Nike). Tuttavia il progetto dei Moretti ha trovato nei vari soci (non tutti ma quasi) che hanno il restante 40% delle quote societarie, una incredibile e determinata resistenza ad ogni tentativo di gettare le basi per un cammino unitario, per varie ragioni, che solo ora stanno uscendo fuori alla luce del sole. Da un anno circa esiste, di fatti, alla Borghesiana, la squadra dell’albergo: la Borghesiana Soccer Academy di Longarini, squadra di puro settore giovanile. Ed è proprio a Longarini che, in tempi variabili ma non lunghi, verranno girate le quote di maggioranza (che ora stanno andando ufficialmente nelle mani di Maura) della Lodigiani, per poter effettuare una fusione con la squadra dell’albergo e far sparire definitivamente la Lodigiani, per una seconda volta, dopo la Cisco. Causa tempi burocratici la fusione sarà operativa solo nella stagione 2012/13 (con la squadra che si chiamerà semplicemente Borghesiana Soccer Academy), ma intanto coloro che rileveranno le quote non iscriveranno la prima squadra della Lodigiani al torneo di Promozione Regionale, tradendo per l’ennesima volta la lunga, e ormai martoriata, storia della Lodigiani. Va ricordato che Longarini acquisì la Lodigiani la prima volta nel 2000 e la tenne fino al 2003, “regalandogli” le prime due retrocessioni della propria storia e vendendola infine alla Cisco, ben consapevole che quest’ultima l’avrebbe fatta scomparire. Una storia che a 8 anni di distanza si ripete, con gli stessi personaggi in scena. Va detto che i Moretti hanno tentato a lungo di comprare le quote restanti della Lodigiani per poter proseguire senza ostruzionismi di sorta il proprio progetto, ma i soci di minoranza hanno sempre rifiutato. I Moretti, presi per stanchezza, non hanno rifiutato la loro controproposta di cedere le loro quote di maggioranza, consci del fatto che con una società così frazionata non potevano proseguire serenamente il percorso tracciato (rivalutazione delle giovanili, squadra a San Basilio, prima squadra in campo come da tradizione Lodigiani). Questa è la triste realtà di cui oggi prendiamo atto: progetti che non si sono riusciti a portare avanti per ostruzionismo legato a puri interessi economici, personaggi che si sono sempre riciclati nel calcio che continuano a creare la devastazione totale ovunque passano, una storia tremenda come la nostra che non ha insegnato nulla a nessuno, una Lodigiani che vede di fatto la propria sparizione proprio nell’anno in cui avrebbe dovuto festeggiare i suoi 40 anni di esistenza. Concludiamo questo comunicato senza auspici né fiducia per il futuro, in un panorama dove il calcio, soprattutto quello minore, è sempre più marcio e dove solo i veri tifosi continuano a prendere pugni nello stomaco. Quello che ci resta è una tremenda tristezza unita ad un incredibile senso di vuoto.
 

Ultrà Lodigiani 1996


Programmi nuova stagione Lodigiani


Il sito della Lodigiani promette di svelare i programmi della Lodigiani 2011/12, li anticipiamo noi, un vero scoop:

– Prendere le quote della famiglia Moretti per darle ufficialmente a Maura;

– Collaborare con la BSA (Borghesiana Soccer Academy) per mantenere le categorie elite;

– Abbandonare San Basilio dopo appena un anno e riportare tutto nel deserto della Borghesiana, scombussolando le famiglie dei ragazzi (e anche noi tifosi) per il secondo anno consecutivo;

– Non iscrivere la prima squadra;

– A fine stagione fondersi con la BSA, con le vecchie quote di Moretti (in proporzione variabile ma comunque assicurando la maggioranza) girate a Longarini (non a costo zero ovviamente), col nome di Borghesiana Soccer Academy;

– Seconda distruzione della Lodigiani per opera di Longarini. La Lodigiani scomparirà di nuovo.

– La squadra dell'albergo La Borghesiana avrà le categorie giovanili elite.

La storia non ha insegnato nulla ai nostri dirigenti. Con amarezza.
 

CON LONGARINI E MAURA
MORTE SICURA